Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home3/isicnv/domains/programmazioneneurolinguistica.com/pnl3/page.php on line 93

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home3/isicnv/domains/programmazioneneurolinguistica.com/pnl3/page.php on line 94
 
  Home
 
  • introduzione alla pnl3
  •  
  • A cosa serve la PNL3 in immagini
  •  
  • Introduzione per immagini ai principi della PNL3
  •  
  • Pnl e pnl3
  •  
  • Quali sono alcuni punti base del modello della pnl3?
  •  
  • Presupposto comune pnl e pnl3 nr. 1: "la mappa non e' il territorio"
  •  
  • Presupposto pnl3 nr. 2: "interconnessione a livello di esperienza soggettiva"
  •  
  • Presupposto pnl3 nr. 3: "prima di ogni livello la coscienza"
  •  
  • 0) la coscienza
  •  
  • 1) il livello neurologico ed il livello dei sensi e somatico
  •  
  • Livelli di sistemi sensoriali nella pratica abituale della pnl.
  •  
  • 2) ulteriore livello di costruzione della mappa: il tempo
  •  
  • 3) il terzo livello di costruzione della mappa:  linguaggio ed elementi sociali
  •  
  • 4) il livello energetico
  •  
  • Ulteriori livelli di mappe nella pnl3
  •  
  • differenza tra processo iterativo della pnl e  processo globale della pnl3 - metamodello e pnl3
  •  
  • 6 filtri base di analisi dell'informazione
  •  
  • le classi di operatori della pnl3
  •  
  • Ancore
  •  
  • Potenziatori
  •  
  • Equilibratori e ritmi
  •  
  • matrici di pensiero nella pnl3
  •  
  • dimensioni energetiche in pnl3
  •  
  • psy gym
  •  
  • atteggiamento mentale 

  • 6 FILTRI BASE DI ANALISI DELL'INFORMAZIONE

     

    Per la Programmmazione Neurolinguistica 3, utilizziamo 6 filtri base aggiuntivi che determinano le operazioni indicate sopra. (cancellazione, distorsione e generalizzazione ed attribuzione semantica).
    La PNL3, in particolare, chiarisce  questo proposito il rapporto esistente tra tutti questi filtri che sono interconnessi strettamente l'uno all'altro. Li presentiamo qui di seguito in una maniera comprensibile anche a chi abbia già seguito una formazione di PNL classica.
    I filtri sono:

    • Organizzazione generale del Tempo e delle Memorie
    • Elementi Fascinatori e Catalizzatori (corrispondenti in PNL ai Valori e Paure Fondamentali)
    • Associazioni Mentali collegate ai precedenti (simili in PNL ai sistemi di Credenze)
    • Associazioni Mentali emozionalizzate: Decisioni ed eventi significativi
    • Filtri Somatici e loro conseguenze comunicazionali (corrispondenti ai Metaprogrammi)
    • Trance contestuali (corrispondenti ai contesti significativi)

    Come i 6 filtri sono connessi l'uno all'altro

    La nostra percezione ci porta, sulla base delle nostre esperienze, organizzate in sequenze temporali in base a modelli specifici, a catalizzare la nostra attenzione attorno ad una serie di elementi fondamentali (valori) all'interno di una mappa di reazioni cause effetto specifiche (credenze). Questo processo si struttura in una serie di decisioni ed eventi significativi. Gli schemi mentali che perdurano a lungo possono anche essere legati ad elementi somatici. Il tutto avviene in un particolare contesto o "trance sociale"

    Analizziamo ora ciascuno di questi filtri in maggiore dettaglio:

    1. Concetto di tempo e Memorie:
      Il primo elemento che influenza l'essere umano è come organizza le proprie tracce mnesiche o memorie.
      Infatti come ci comportiamo oggi è molto spesso come il risultato di reazioni ad eventi passati in congiunzione con la nostra maniera di interpretare il tempo.
      La percezione del tempo è quindi un filtro fondamentale.
      Gli psicologi sperimentali hanno osservato come il bambino costruisca il concetto di tempo in base ad una serie di elementi, quali ad esempio le relazioni di causa-effetto.
      La nostra scuola è stata la prima a portare in Italia il concetto della Time Line o "linea del tempo".
      Abbiamo così avuto maniera di effettuare una grandissima serie di osservazioni.
      Possiamo immaginare la nostra vita come una successione di eventi. Il nostro agire di oggi viene influenzato da quello che è successo nel passato, ed il presente può finire per avere un ruolo in tutto ciò. Quando si dice che la PNL porta ad avere maggiore controllo e coscienza della propria vita significa proprio questo, divenire più capaci di reagire agli eventi del presente.
      La PNL3 va molto avanti nel lavoro con le memorie, sviluppando ed analizzando anche il concetto di "tempo" che si basa sulle memorie e che nello stesso tempo regge la nostra vita.
    2. I Catalizzatori della nostra Vita: Valori e Paure fondamentali:
      Indichiamo con queste parole una serie di elementi attraverso i quali filtriamo l'esistenza in quanto fungono da "catalizzatori" dei nostri sforzi e delle nostre esperienze nella vita .
      Nella vita riscontriamo come vi siano una serie di elementi verso i quali le persone tipicamente si muovono VERSO o vanno VIA Rappresentano quindi le nostre attrazioni o repulsioni nella vita. Sono essenzialmente un filtro di valutazione. Rappresentano come noi decidiamo se le nostre azioni sono buone o cattive, giuste o sbagliate.
      Sono anche le chiavi della nostra motivazione.
      In altre parole, come prendiamo le nostre decisione? Con quali criteri? I criteri sono una forma di valori. Essendo il metro delle nostre azioni, guidano anche come noi ci sentiamo riguardo alle nostre azioni.
      Come la nostra attenzione rimane fissata attorno a questi elementi, che possono provenire dall'ambiente o da esperienze significative, dipende dal nostro passato.
      Per cercare di superare alcune situazioni, la nostra attenzione si fissa attorno a certi elementi che chiamiamo "valori".
      Alcuni valori sono più importanti di altri. I valori sono tipicamente ordinati in una gerarchia con il più importante in cima ed i meno importanti sotto. Sono essenzialmente un profondo ed inconscio sistema di credenze per decidere quello che è importante e quello che è buono o cattivo per noi.
      La PNL3 analizza tale concetto legandolo al concetto di "personalità" e soprattutto lo lega all'aspetto più profondo della persona..
      Infatti, l'esplorazione dei valori ci porta a renderci conto che sono legati al tipo di persona.
      Persone differenti possono avere valori differenti.
      Per la PNL3 i valori sono rappresentativi della Personalità: tutti i valori ad un livello profondo possono essere visti anche come una direzione dell'individuo che si allontana dal suo stato profondo per dare potenziale ad elementi esterni.
      Enneagramma e Valori: In quest'ottica la PNL3 utilizza l'enneagramma, che permette di individuare "costellazioni di valori" e poter così capire meglio e subito la persona di fronte a noi. 
      L'Enneagramma rappresenta allora uno schema per comprendere i differenti modelli del mondo. Quando comunichiamo con noi stessi o con qualcun altro, se il nostro modello del mondo entra in conflitto con i nostri valori od i valori dell'altro, ci può essere un conflitto, capirne le modalità di sviluppo permette invece di sviluppare situazioni di sinergia. I valori cambiano col contesto. Significa ad esempio che probabilmente avete certi valori riguardo a quello che volete in una relazione e quello che volete negli affari.
      I vostri valori riguardo a quello che volete in una persona o in un'altra possono essere molto differenti. Poichè i valori sono legati al contesto, possono anche essere legati allo stato emozionale, anche se i valori sono chiaramente meno legati allo stato emozionale delle credenze.
    3. Catene associative e Credenze:
      Il filtro successivo è rappresentato da come la nostra mappa soggettiva è organizzata. Il sistema nervoso organizza la mente in una serie di associazioni mentali o schemi per assicurare la sua sopravvivenza. Il concetto è anche legato al successivo (concetto di tempo). Infatti è l'organizzazione di catene di eventi "precedenti" (chiamati anche schemi causa effetto) che crea l'idea di uno schema.  In PNL viene spesso utilizzato il termine "credenze". La PNL3 amplia il concetto anche alle catene associative date dall'interpretazione semantica della realtà.
      - Le credenze sono generalizzazioni riguardo a come è il mondo. Le credenze nascono normalmente al seguito di esperienze di vita e quindi possono essere considerate strettamente connesse anche alle tracce mnesiche ed alle decisioni. Tali esperienze ci portano a determinate conclusioni. Quando una persona dice di essere arrivata ad una conclusione riguardo ad un certo aspetto della vita significa che ha sviluppato una credenza. Per capire gli altri è necessario capire le loro credenze.
      - Le interpretazioni semantiche sono il significato che diamo a certe situazioni in particolari contesti.
       In PNL ha molta importanza il processo di comprendere gli elementi che portano una persona ad essere particolarmente capace in un determinato ambito.
      Tale processo, di "copiare l'eccellenza", viene anche chiamato "modellamento". Uno degli elementi più importanti nel modellamento è trovare le credenze di una persona riguardo ad un particolare comportamento che stiamo modellando. Questo è abitualmente molto motivante. Le credenze possono renderci più forti o meno forti. Le credenze sono infatti le presupposizioni che abbiamo su come il mondo è. Quindi, sono come degli interruttori che determinano o meno la nostra abilità di operare. Durante il lavoro con le credenze di qualcuno, è importante determinare quali sono le credenze che hanno che li portano a fare quello che fanno. E' anche importante trovare le credenze che rendono meno abili, così come quelle che non permettono di agire come si vuole. 
    4. Decisioni e eventi emozionali:
      Il quinto elemento, correlato alle memorie, sono le decisioni che abbiamo preso nel passato. Le decisioni possono creare credenze, o possono anche semplicemente influenzare la nostra percezione delle cose. Il problema è che molte decisioni sono state prese nel passato, e sono quindi dimenticate.
    5. Metaprogrammi e Stati Somatici:
      L'insieme degli ele menti i ndicati precedentemente contribuisce a a mantenere i metaprogrammi.
      Il metaprogramma è uno schema di comportamento derivato secondo la PNL3 abitualmente da uno stato interno costante.
      In altre parole qualsiasi schema mentale mantenuto sufficientemente a lungo porta ad una traccia somatica.
      In questo la PNL3 si avvicina alla medicina cinese.
      Quello che osserviamo nel caso dei disturbi psicosomatici è una stretta relazione tra reazioni organiche e pensiero.
      Conoscere i Metaprogrammi di qualcuno può aiutarci in ogni caso comunicazionalmente a capire più chiaramente e da vicino i suoi stati emozionali, e quindi predire le sue azioni. Certi metaprogrammi ci danno ad esempio informazioni su come una persona conduce il suo processo di decisione. Oppure ancora, altri metaprogrammi possono darci l'attitudine o meno di una persona al lavoro di gruppo. Un punto importante riguardo ai metaprogrammi: non sono nè giusti nè sbagliati. rappresentano semplicemente come una persona analizza l'informazione. Inoltre non sono neppure in una scala dicotomica (oppure oppure). Il passaggio da un metaprogramma all'altro è infatti fluido.
      I Metaprogrammi possono essere influenzati dal contesto.
      Un altro tra i contributi degli sviluppi di PNL3 è stato legare il cambio dei metaprogrammi ai contesti prossemici della persona. In altre parole, se percepiamo una situazione attinente alla sfera intima, sociale, o amicale possiamo avere il manifestarsi di metaprogrammi differenti.
      Un altro aspetto della PNL3, in combinazione con le tecniche POL, è legare il concetto dei metaprogrammi con reazioni che a livello più profondo possono essere legate non più agli organi di senso, bensì agli organi interni della persona.
      L'equilibrio interno somatico si riflette infatti anche nel comportamento e nell'attitudine verso l'esterno.
    6. I contesti di interpretazione e le trance contestuali: si tratta di un concetto sociologico: ogni azione è appropriata in un determinato contesto. Ma come è che determiniamo tali contesti? Esperimenti sulle scimmie hanno mostrato come siano una serie di elementi che ci portano a determinare il contesto di una particolare azione. Il contesto rappresenta un metafiltro che instrada i nostri pensieri in una direzione o nell'altra. Sotto altri punti di vista un contesto può essere visto come una specie di "trance" che orienta la nostra visione della realtà.
      Questo spiega l'utilità di certe metodiche (come quelle ipnotiche o le dinamiche rituali) che intervengono a livello della percezione del contesto.

    CONSEGUENZE DI QUESTI FILTRI

    Questi circolo operativo tra i differenti filtri interviene nelle rappresentazioni interne di un evento che ci sta succedendo.
    Attraverso il modello esplicitato più sopra possiamo meglio capire il nostro operare.
    Sono le nostre rappresentazioni interne che ci fanno entrare in un particolare stato emozionale, e creano una certa fisiologia. Lo stato in cui ci troviamo determina a sua volta il nostro comportamento.
    Da qui deriva l'utilizzo della PNL3 ad esempio nella persuasione. Cambiando lo stato emozionale possiamo cambiare la decisone.
    Analogamente nella terapia, modificando gli stati emozionali modifichiamo le percezioni.






    Alcuni Link Utili:

    Corsi e Formazione in PNL3

    Manuali e libri gratuiti di PNL, PNL3, Ipnosi ed Altre Materie

    Vuoi imparare la PNL3?

    Contattaci ora al 348-2213449

    Copyright 2006 of  www.programmazioneneurolinguistica.com